ATTENZIONE

clicca qui per l’orario in vigore durante l’emergenza Covid-19

 

E-mail: b-maru.consultazione@beniculturali.it
Tel. +39 055 2722 225

 

L’accesso alla Sala Consultazione Manoscritti e Rari è riservato – in base al Regolamento interno della Biblioteca, tenuto conto delle disposizioni del DPR. 445/2000 – ai maggiorenni, dietro rilascio di dichiarazioni sostitutive.

All’utente, che deve esibire un documento di identità e consegnare una fotografia formato tessera, viene rilasciata una tessera personale di accesso alla sala, dietro accertamento da parte del bibliotecario delle necessità di studio e della durata della ricerca.

La tessera ha validità fino ad un anno solare e può essere rinnovata con le stesse modalità del rilascio. La Sala è dotata di 18 posti, con tavoli attrezzati per l’uso di computer portatili; un tavolo apposito è riservato alla consultazione del materiale manoscritto, raro e di pregio in originale.

Nella Sala si consultano i manoscritti, i fondi e archivi personali, i carteggi, i disegni, le incisioni, i melodrammi, i Rari (collocazione “R”), i libri collocati nel Salone di lettura, l’archivio storico della Biblioteca (per il quale occorre una speciale autorizzazione del direttore), i periodici antichi e tutto il materiale a stampa e di pregio con data compresa tra il XV° e il XVIII° secolo, fino all’anno 1800 incluso.

Inoltre, si consultano nella sala gli Atti Parlamentari (“AP”), le riproduzioni facsimilari (“RF”), le “Edizioni pregiate-A” e l’apparato bibliografico di supporto allo studio collocato nelle scaffalature (“Cons”).

I manoscritti, i carteggi, i disegni, le incisioni, i melodrammi, e altri materiali sono descritti in cataloghi speciali cartacei, da consultarsi esclusivamente in Sala. Di questi cataloghi esiste anche una versione scannerizzata consultabile online. Il materiale a stampa antico (Rari, libri del Salone di lettura, periodici antichi e tutti i libri con data di edizione fino all’anno 1800 incluso ), se non presente nell’OPAC, è descritto nei cataloghi generali cartacei presenti nella Sala cataloghi, consultabili anche in versione scannerizzata.

Per tutti i manoscritti, i fondi e archivi personali e i disegni sono consultabili su richiesta gli schedoni amministrativi che vengono periodicamente aggiornati.

Tutto il materiale sopra indicato si richiede direttamente nella Sala su moduli appositi, con l’unica eccezione dei libri a stampa anteriori al 1800 collocati nei magazzini, che devono essere richiesti – sui normali moduli di richiesta in lettura – al Banco della Distribuzione e consultati in Sala durante l’orario di apertura della stessa.

Il materiale viene distribuito contestualmente alle richieste degli utenti, con tempi di attesa minimi; è necessario fare la prenotazione (almeno un giorno prima, esclusivamente in Sala) soltanto per i volumi collocati nel Salone di lettura (collocazione: 1 + lettera/e + numeri, es.: 1.A.IV.94, 1.BB.X.15, ecc.), volumi che devono essere prelevati dal personale in assenza del pubblico.

Non c’è alcuna limitazione al numero di richieste che possono essere effettuate da uno stesso utente nel corso della giornata; per i libri collocati nel Salone di lettura, invece, è possibile presentare soltanto 3 richieste per volta (per un massimo di 6 volumi in totale).

Ogni pezzo consultato può essere tenuto in deposito per un mese (sempre che la consultazione sia continuativa: in caso contrario, viene ricollocato dopo 5 giorni).

Tutto il materiale manoscritto, raro e di pregio è escluso dal prestito e non è fotocopiabile; di esso possono essere richieste riproduzioni fotografiche tramite il servizio apposito, o effettuate riproduzioni con mezzi propri. Dei volumi con collocazione Cons. stampati dopo il 1900 – esclusi anch’essi dal prestito – possono essere richieste, invece, anche le fotocopie.

I bibliotecari addetti alla Sala Consultazione Manoscritti e rari sono a disposizione degli utenti per informazioni bibliografiche riguardanti il materiale antico o comunque afferente alla sala stessa.