Storia

La Biblioteca Marucelliana, pensata da Francesco Marucelli quale biblioteca di cultura generale aperta ad una vasta utenza, così come indica l’iscrizione sulla facciata “Marucellorum Bibliotheca publicae maxime pauperum utilitati” venne aperta al pubblico il 18 Settembre 1752. Il nucleo originario della raccolta è costituito dalla biblioteca dell’abate Francesco che, morendo a Roma nel 1703, aveva […]
La Biblioteca Marucelliana è un esempio di edificio costruito appositamente per ospitare una raccolta libraria. Fu indetta una gara pubblica nella quale si scontrarono due diverse concezioni architettoniche: quella dell’architetto romano Alessandro Dori, appositamente chiamato da Alessandro Marucelli, e quella fiorentina dell’architetto Giovan Filippo Ciocchi. La differenza essenziale consisteva nella facciata che per il Dori […]
L’attuale patrimonio della Biblioteca è di oltre 1.000.000 di volumi e opuscoli (di cui 490 incunaboli e 7.995 cinquecentine), 2.927 manoscritti a volume e 69.345 carte sciolte (autografi e carteggi di interesse letterario, storico, artistico), un’importante e preziosa collezione di circa 53.000 stampe e 3.200 disegni (sec.XV-XIX); 9.000 libretti di melodrammi e 10.065 testate di […]
Vai ad inizio pagina